martedì 19 aprile 2011

Milano, writer condannato a quattro mesi di reclusione

MILANO - Un writer italiano di 21 anni che il 13 febbraio 2010 aveva riempito di graffiti sette vetture della linea 3 della metropolitana, all'interno del deposito di Rogoredo, è stato condannato, con patteggiamento, a 4 mesi di reclusione. L'Atm e il Comune di Milano, che si erano costituiti parte civile, sono stati risarciti rispettivamente per 800 euro e 600 euro per spese legali.

«PENE PIU' SEVERE» - «Il procedimento è stato celebrato secondo il nuovo rito, dal momento che l'episodio è posteriore all'otto agosto 2009, ovvero al giorno in cui è entrata in vigore la riforma dell'articolo 639 del codice penale prevista dal "pacchetto sicurezza" - ha spiegato il vicesindaco e assessore alla sicurezza Riccardo De Corato -. Ovvero giudizio davanti al Tribunale e non più davanti al Giudice di pace». «Come avevo avvertito ora si fa sul serio, e ciò lo si deve alle richieste di pene più severe avanzate dal Comune di Milano - ha aggiunto De Corato -. L'Amministrazione ha da tempo intrapreso una battaglia severa contro i writer».
I COSTI - Il vicesindaco ha ricordato che Atm ha dovuto pagare 6 milioni di euro nel 2010 per rimediare ai vandalismi perpetrati sui mezzi pubblici, che finora sono 11 i procedimenti chiusi davanti al Giudice di pace con relative condanne e 83 le denunce del Nucleo Tutela Decoro Urbano della Polizia locale. Contro i writer, infine, sono state emesse, dal 2008 ad oggi, 183 sanzioni da 450 euro in base all'ordinanza sindacale. Milano, come ha riferito De Corato, è finora l'unico Comune che porta in giudizio i writer, e chiederà la costituzione di parte civile in altri due processi: quello contro quattro stranieri che hanno imbrattato con alcune scritte la saracinesca di un negozio in via Vitruvio e quello contro un italiano sorpreso a scrivere i muri del sottopasso di via Comasina-Astesani.
Fonte: milano.corriere.it

16 commenti:

Antonio ha detto...

Be per correttezza dovrebbero punirlo anche per le tags che sicuramente avrà fatto sparse per Milano...poi vedi quanti soldi ci vogliono per ripagare i danni...cmq buone notizie da Milano mentre a Roma sembra che nessuno becchi mai un writers nonostante siano a migliaia...

Anonimo ha detto...

VOGLIAMO LE CAMERE A GAS PER I WRITER!!!

Mc Daemon

n@po ha detto...

Mc Daemon non essere estremista.
E' giusto che paghino per quanto commesso, attraverso lavori socialmente utili, il primo che viene in mente? Ripulire le superfici imbrattate. Questa sarebbe la giusta punizione, oltre chiaramente la condanna alla pena pecuniaria.

Anonimo ha detto...

la camera a gas non fa soffrire abbastanza e poi costa. Io li farei fuori con una pallottola, da addebitare poi alla famiglia.

Antonio ha detto...

Calmino anonimo! non cè bisogno di ammazzare nessuno, cè bisogno di far rispettare le leggi ed applicarle!

n@po ha detto...

Concordo in pieno con Antonio. Le leggi esistono, vanno "solo" applicate.

ScOnEr IsC ha detto...

NON CI PRENDERETE MAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Dasher Isc ! ha detto...

O Massa di babbi ! Quella fottutissima Atm cancellerà il cazzo che li pare puo mettere la sicurezza al massimo ,Ma una cazzo di azienda nn puo fermare una cultura cosi grande ,al mondo ...cancellate il cazzo che vi pare , le scritte ci saranno ! , ovunque e per sempre !, Fanculo !Succhiate Bastardi ! ahaha hahaha nn sapete cn chi avete a che fare Solo a guardare la foto mi avete ftt ridere (odiva)ahahahahhahaha nn avete capito un cazzo di noi .,

Sconer Isc ha detto...

Scemiiiii
questa è la ISC presto anche da voi fottutissimi bastardi
NON CI PRENDERETE MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI MAI

Avido Mw ha detto...

ahahahahahahahahah

Dasher Isc ! ha detto...

Sucate Bastardi !

Antonio ha detto...

si si certo coprire un treno con la vernice spray è una cultura, riempire di graffiti un palazzo del centro è cultura...esprimere la vostra arte in maniera legale non ce la fate proprio, legalità e rispetto non sapete cosa siano, andate avanti cosi se vi fa tanto esaltare...cmq abbiamo capito benissimo con chi abbiamo a che fare, purtroppo.

n@po ha detto...

Parlate di cultura, ma a stento riuscite ad esprimervi, siete solo dei ragazzini esaltati!

WRITERS ha detto...

dal mio punto di vista , anche se dipingono le metro qual'è il problema ?! Questa è una cultura che esiste da anni ed è anche una delle più famose, l'atm potrà mettere piu controlli più guardiani potrà fare quello che gli pare ma le scritte come le chiamate voi ci saranno sempre e ve le tenete per sempre !"non si vede neanche dai finestrini" perche tu in metro guardi cosa c'è fuori ? ognuna la pensa come vuole ma secondo me al posto di vedere un treno tutto rosso e grigio colori tristi e uniformi preferisco vedere un bell pezzo con colori forti e che dia nell'occhio ! e poi finchè è una tag okkei ma quando parli di pezzi di disegni e puppet di graffiti veri e propri quella è arte è anche un abbellimento! bella lì

Anonimo ha detto...

Quando viaggio in treno, voglio un servizio che sia all'altezza e ciò comprende anche la pulizia interna ed esterna dei convogli. La maggior parte dei pezzi sono solo orrendi scarabocchi, che costano alla collettività una barca di soldi. Un viaggio in una carrozza con i vetri insudiciati è la peggiore condanna per i viaggiatori. Coloratevi la vostra cameretta!

Anonimo ha detto...

siete fortunati che non vivete in korea del nord luridi pezzenti, li vi avrebbero gia giustiziati al primo graffito.
e mi fanno pena qll che sostengono di non essere estremisti dato che certa gente sapendo che non va incontro a nessun rischio serio non si piegherà mai al rispetto della proprietà colletiva e al buonsenso.
Per questa ragione se domani facessero una legge per cui chi è sorpreso a scarabbocchiare un muro o una proprietà altrui venisse condannato a 5 anni di lavori forzati a pane e acqua e frustato come facevano gli antichi romani io firmerei subito...hai imbrattato la metro? ora la pulisci con la lingua lurido cane da strada e dopo che hai finito lavori per anni ad asfaltare strade ponti e a dipingere e imbiancare case ospedali etc...dato che ami tanto dipingere eccoti accontentato e se ti fermi ti frusto fino a che non ricominci come facevano i romani.
Inutile parlare di umanità e civiltà con chi è peggio di una bestia, con uno scimmione non si puo parlare di educazione, calci nel culo e stop.